domenica 30 novembre 2014

No more excuses week: Outrage


Alle soglie del 2015, la violenza sulle donne è un tema fondamentale. Se ne parla in tv, ogni giorno. Se ne parla sui giornali, si sensibilizza, si informa. E finalmente, direi. Se ne parla anche sui blog di cinema, grazie all'iniziativa lanciata da Alessandra (Director's cult).

Ma nel MILLENOVECENTOCINQUANTA?
Oggi una vittima di violenza (di qualsiasi tipo) è considerata tale, dalla maggior parte delle persone è tutelata, difesa, aiutata. Oggi la violenza è un reato.
Sessant'anni fa se venivi violentata te ne vergognavi. Era colpa tua, eri sporca. E di certo non lo raccontavi. A nessuno.

Figuriamoci parlarne in un film.
Figuriamoci parlarne in un film diretto da una donna.
Eppure, Ida Lupino ha sfornato una pagnotta che ancora oggi risulta indigesta.

La vittima in questione si chiama Ann. Finito il lavoro torna a casa, e per strada viene struprata. Incapace di sopportare il trauma e la vergogna, scappa e cambia identità. Si rifugia in un ranch, e cerca di rimettere in piedi i pezzi della sua vita.


Il centro della questione non è tanto lo stupro in sè, che non è mostrato, cosa di cui sono molto grata alla vecchiaia del film e alla signora Lupino, quanto piuttosto il modo in cui Ann reagisce. Il dolore non cambia, sessant'anni dopo. Ann non sa gestire una cicatrice così grande, e fa la cosa che appare più semplice: scappa.
Si allontana dagli sguardi di compassione, dalla finta comprensione, da quella strada che sarebbe stata costretta a ripercorrere ogni giorno uscita dal lavoro, da quel fidanzato che la ama comunque. Cambia perfino nome, come se alla nuova se stessa quell'evento drammatico non fosse mai avvenuto.
Ma non è così semplice, quando fuggi porti tutto con te.
E infatti, non appena un uomo prova a baciarla, lei va molto vicina ad ammazzarlo.

Sessant'anni fa questa era la realtà. Il numero di donne stuprate non era certo minore di quello attuale, ma non se ne poteva parlare a voce alta, era un argomento tabù. Ida Lupino ha centrato il punto, girando un film che pur sentendo il peso della sua età è assolutamente attuale.
Gli sguardi di chi non capisce la violenza ci sono ancora, il dolore è sempre lo stesso, l'offesa recata non è mutata. E questo rende la sua iniziativa coraggiosa ed intelligente.


Ho scelto questo film non a caso.
Sì, è inerente al tema della giornata, ovviamente, ed è in bianco e nero per portare avanti la mia iniziativa per il mese di novembre, quindi era perfetto.
Il motivo principale è la speranza.
La violenza sulle donne è una realtà, non ce ne siamo ancora liberati, e probabilmente gli stupri continueranno a violare la serenità delle persone. Ma abbiamo fatto notevoli passi avanti a livello di civiltà.
Oggi sappiamo cosa implica la violenza, oggi al fenomeno è data importanza, non si ha più paura di parlarne.
Oggi, io so che se dovesse accadermi qualcosa non sarebbe in nessun caso colpa mia.
Non lo sanno ancora tutte le donne, purtroppo, ma ci arriveremo.
Oggi abbiamo esempi come Lucia Annibali che ci insegnano che se dovessimo avere l'immensa sfortuna di incappare in un elemento violento, potremmo uscirne, a testa alta.
Abbiamo ancora tanta strada da fare, questo è poco ma sicuro. Siamo circondati da uomini violenti che si nascondono dietro visi rassicuranti. Le notizie non diminuiscono. Le donne continuano a morire perché rifiutano i partner. Quello che si chiede la locandina che ho postato sopra è un quesito ancora terribilmente attuale.

Ma stiamo andando nella giusta direzione, io ci voglio credere.



18 commenti:

  1. Film che non conoscevo ma sicuramente. Perfetto per l'iniziativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto e molto avanti con i tempi!

      Elimina
  2. Sul bianco e nero sono molto indietro, questo film sembra un "bel" modo per rimediare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo sono, motivo per cui nel mese di novembre ho recensito solo film in bianco e nero!

      Elimina
  3. non l'ho mai visto, ma sembra un film avantissimo per i tempi...

    RispondiElimina
  4. Non te l'aspetti proprio un argomento spinoso come questo in un vecchio film in bianco e nero anni cinquanta. Ottimo ripescaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inaspettato ma sempre attuale. Grazie!

      Elimina
  5. Mai sentito nominare. Dovrò recuperarlo!
    E pure io spero insieme a te:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che inizino a sperare anche gli uomini è solo un buon segno!

      Elimina
  6. Ida Lupino era una donna con le palle. Punto. Mi sono ricreduta, brava!

    RispondiElimina
  7. Un film a suo modo rivoluzionario, nello stile e nell'argomento. E concordo con Alessandra: Ida Lupino era una 'tosta' !
    Non conoscevo il tuo blog, l'ho messo volentieri tra i miei preferiti: iniziative come questa servono anche per fare scoperte interessanti... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio! Infatti sono molto contenta di potervi partecipare!)

      Elimina
  8. uh, sai che non lo conoscevo sto film? Lo devo recuperare xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, vai, è una visione interessante!

      Elimina
  9. Il film non l'ho mai visto ma la recensione è bellissima, brava! :D

    RispondiElimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+