Visualizzazione post con etichetta aspettative. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta aspettative. Mostra tutti i post

giovedì 15 maggio 2014

The Sacrament

17:29
(2014, Ti West)


I primi rumors davano questo film per cacchina.
Non cacca potente, ma insomma pare che West se lo potesse risparmiare.
Ma lui su Twitter continuava a rittuittare elogi e dichiarazioni d'amore. (E vorrei ben vedere)
Una si confonde, così.
Ma ti aspettavo qui io, Ti, con il cuore pieno di speranza, le tasche piene di sassi, la faccia di schiaffi e gli occhi pieni di te.

Perché tu, balordo infame che sei, hai preso bene la mira e hai sparato la tua freccia esattamente dove sapevi mi avresti fatto più male. Un mockumentary. E so che tutti li odiano e blablabla ma sono ancora il mio guilty pleasure. E la storia del terrificante suicidio di massa di Jonestown. Una di quelle storie da cui la mia curiosità non è affatto attratta, nono.
E quindi, eccoci qui.
L'ho guardato.

Per godermelo non ho nemmeno preso appunti come mio solito.
Voi blogger per favore non commentate questa cosa. Sì, prendo appunti mentre guardo i film. La mia memoria a breve termine fa pietà, devo scrivermi le cose.

Incontriamo Jake e Sam, membri della troupe televisiva di VICE. Accompagnano Patrick in una di quelle famose comunità hippie a cercare la sorella Caroline, ex tossicodipendente che nella comunità ha trovato la sua oasi di serenità.

Parliamo della comunità Eden (che sonora presi per i fondelli, eh?) guidata spiritualmente da questa figura mitica e amatissima del Padre, l'uomo che ne ha resa possibile la costruzione.
Chi è il Padre? Una specie di Lele Mora.
Uno si aspetta chissà quale figura affascinante e carismatica, invece ne esce questo signore:


Sono davvero dispiaciuta, per questo film.
Poteva distruggere le pareti della mia casa, Ti, ne aveva tutta la facoltà e soprattutto ne ha la capacità.
Perché è bravo davvero. Due film come The Innkeepers e The house of the devil non ti vengono così bene per una serie di fortunati eventi. Ti vengono così perché sei un maledetto regista elegante e capace.
Con questo materiale (parliamo di CENTINAIA di morti suicidi) mi aspettavo fulmini e saette, esplorazioni da incubo nell'animo di quelle persone che si sono lasciate bruciare le cellule cerebrali in nome di una loro supposta fede religiosa, mi aspettavo di vedere in che modo un uomo dice a CENTINAIA di persone 'Bevete!' e queste bevono cianuro e si ammazzano.
Non c'è ALCUNA esplorazione.
ALCUN approfondimento.
Vengono raccontate le cose che succedono, come se fosse NORMALE che un ciccione con degli occhiali osceni possa rinchiudere le persone in una comunità impedendogli la fuga.
Volevo vederlo, questo lavaggio de cervello.
Ho visto dei gran discorsi su figli, amore, famiglia.
Ma non mi basta.
Lo so che le persone disperate si attaccano ad ogni barlume di speranza perchè gli sembra l'unico modo per sopravvivere.
Credetemi, lo so.
Ma questo è troppo.
Troppo superficiale, troppo lasciato all'immaginazione dello spettatore.
Volevo un horrorone psicologico di quelli che ti fanno tremare anche il midollo osseo, volevo che il film si spingesse oltre, che osasse, che mostrasse quello che tutti pensiamo avvenga in quelle comunità ma che viene sempre e solo pensato e mai mostrato. Da uno come lui la comfort zone non posso tollerarla. Voglio la sfida, la freschezza, la bella scrittura, i character indimenticabili.
I nomi di questi ho dovuto Googlarli.


Non fraintendetemi, non è un FDC.
Parlo così rancorosa perchè le mie aspettative toccavano le stelle. Smaniavo nell'attesa di questo film.
Che in fondo oggettivamente non è così brutto, se si escludono la lentezza (no, non la solita splendida lentezza di Ti West che ti fa piangere alla fine di The Innkeepers, qui parlo di lentezza vera) e la tecnica.
Ricordate quando qualche riga su (quindi lo ricordate per forza a meno che abbiate gli stessi miei problemi di memoria a breve termine) ho detto che i mockumentary sono il mio piacere proibito?
Ecco, io lo confermo, però ecchecazzo.
Cosa la tieni accesa a fare la camera MENTRE CORRI verso l'elicottero?
O mentre un ciccione che sembra Lele Mora tiene in ostaggio il tuo amico?
Capisco il dovere dello scoop, cosa che mi fa fare ciao con la manina a Angela Vidal di Rec che avesse potuto si sarebbe fatta seppellire con il suo amico a riprenderla, ma mi stavano cascando le braccia.
La camera accesa sulla macchina che li porta all'elicottero.
Non riprende più il cameraman ma riprende l'altro perché 'pensavo volessi che fosse tutto registrato'.
Eddai, no. Finitela. Ve la spacco in testa quella camera.

Quello che mi viene da pensare è che quello che Roth sia una specie di re Mida al contrario, che tutto quello che tocca lo trasforma in merda.


Se a qualcuno interessasse la reale vicenda di Jonestown, vi linko un documentario qui.

giovedì 17 aprile 2014

The Ward

12:40
(2010, John Carpenter)


Immaginate di invitare i vostri amici una sera a cena.
Magari una sera speciale, come il vostro compleanno.
Passate ore a cucinare, a preparare tutto alla perfezione, e i risultati sono grandiosi.
I piatti sono buonissimi, hanno un successo incredibile e i vostri amici vi eleggono ufficialmente chef della cumpa, ormai siete segnati e vi toccherà cucinare per ogni singola occasione futura.
E' una soddisfazione, per carità, ma da quel momento tutti quanti si aspetteranno che dalle vostre manine fatate escano dei manicaretti straordinari, anche se magari voi avete lo scazzo e volete cucinare solo i sofficini.

E' un po' una palla, vero?
Le aspettative sono rognose.
Perché magari una cosa vi viene pure buona, ma se non è buona come quel risotto zafferano e gamberetti che avete fatto per Santo Stefano del 1998 allora non è buona abbastanza.


Pensate quindi a quella povera bestia che ha girato Il seme della follia.
Non andrà mai più bene niente, se non raggiungerà quei livelli.
Poi lui ce lo mette a tutti nel sedere quando gira Cigarette burns, ma quello è un altro discorso.

Insomma, dopo 10 anni di meritato riposo, Big J torna a narrarci una storia, quella di Kristen, una giovane che dopo aver dato fuoco ad una casa viene ricoverata in un ospedale psichiatrico, da cui ogni tot spariscono delle ospiti ma pare che nessuno ci badi troppo.
La ricetta prevede Carpenter+ospedale psichiatrico.
Dite quello che volete ma io già godo.


A fine visione la mia goduria è un pochino calata, perché quello che abbiamo tra le mani è un film tutto fuorchè perfetto. La trama (ma soprattutto il finale) sa di già visto, la sceneggiatura non è sto granchè e nemmeno l'atmosfera è delle migliori.
MA.
E' tutto sommato un buon film, si fa guardare tranquillamente, non annoia, presenta personaggi magari poco sviluppati ma con spunti interessanti e a me quel salone lì con le colonne ricorda l'Overlook quindi gli voglio un bene grande.
In più, voi che ne parlate male, che sparate cacca su uno dei Grandi solo per un film buono-ma-non-perfetto, avete il diritto di farlo solo se sapete fare delle inquadrature così, altrimenti tutti zitti ad imparare.

La Gloria non si tocca, non sarà un filmetto a rovinare l'immagine di chi ha cambiato irrimediabilmente la storia e la qualità del cinema horror.
E poi alla fine ho preso uno spavento di quelli atomici.




(Big J, parlo a te. So che sei un uomo e di queste cose non te ne curi - giustamente - ma la prossima volta che vuoi ritrarre le chiappe di una bionda in doccia ricordati di farle togliere le ciglia finte che se no si rovinano. Tanto lo so che non le guardi gli occhi, mandrillone.)

domenica 29 dicembre 2013

I film più chiacchierati dell'anno che non ho recensito proprio perchè erano troppo chiacchierati

14:25
Il 2013 sta andando, amici, time to say goodbye.
Siccome, come avrete notato, su MRR non ci sono quasi mai classifiche di fine anno o similia, ho deciso di chiudere il mio anno raccontandovi la mia opinione sui film che hanno generato più rumore sulla blogosfera.
Non ci saranno tuttituttitutti i film dell'anno, e nemmeno tutti quelli più chiacchierati, semplicemente perchè il mio 2013 è stato all'insegna del 'recupero i grandi classici che finora non ho guardato'. Ho quindi snobbato senza ritegno le uscite in sala, perchè, onestamente, quest anno sono stati davvero pochi i film che mi hanno fatto venir voglia di spendere soldini al cinema.
Annata vintage quindi, per me, che si è rivelata formativa, interessante, curiosa, diversa.
Con questa piccola carrellata vi auguro un 2014 felice, stimolante e divertente e con tanti bei film da vedere. (Il nuovo film di Ti West, il nuovo film di Ti West, il nuovo film di Ti West!!)

The Bay.



Colpire gli Stati Uniti nel loro giorno speciale con un'epidemia a base di bestiacce che ti divorano da dentro e Oren Peli. La cosa più incredibile di tutto ciò è che nonostante queste premesse il film funziona, funziona davvero. Nel senso che dopo averlo visto per almeno un paio di settimane ogni singolo scarafaggio diventa un mostro inaffrontabile, come mia mamma quando la sveglio di notte per uccidere il suddetto scarafaggio. Finalmente qualcuno ridà gloria ai mockumentary, diventati così mainstream, ma pur sempre uno dei miei primi amori.

Django Unchained.  (divagazione dovuta, perchè amici, è Quentin)



POSSIAMO PER PIACERE DARE UN OSCAR A DI CAPRIO? Non il Tarantino della vita, ma una sparatoria così figa l'ho vista poche volte. E al 'Ciao piccola peste' sono svenuta con lei. Tenerone di un Quentin che non sei altro!

The ABCs of death.



26 corti di 4 minuti l'uno per mostrare 26 modi per morire. Il progetto sulla carta è davvero interessante, peccato che in pratica con quel poco tempo a disposizione i registi sono costretti a puntare sull'effetto shock o sul disgusto, in quella che sembra essere una gara a chi sfrutta meglio il tempo. Il mio amore grande Ti non delude e shocka davvero, il maledetto. I giapponesi hanno qualche problema grosso nella testa e io una visitina gliela consiglierei. Ah, non ho capito benissimo C for Cycle, se qualcuno me lo vuole spiegare, prego! 
(Si ringrazia very much col corazon Erica del Bollalmanacco che mi ha indirizzato verso i torrenti a cui attingere!)

The Conjuring – L'evocazione.



La più sfigata delle abitazioni d'America diventa la nuova dimora dei Perron che poracci dovranno combattere insieme ai Warren (Sì, quelli di Amytiville, sempre loro) per scacciare fantasmi/demoni/entità/streghe. Un mucchio di gente. Bambola immancabile (dimmi, One, la mamma ti ha nascosto i giocattoli quando eri piccolo? Perché stai così in fissa?) ma soprattutto: NON MI HAI DETTO COSA HA VISTO LORRAINE NEGLI OCCHI DEL POSSEDUTO.
Però sei sempre bravo, mannaggia a te.

La notte del giudizio.



La premessa è credibile come Silvio che annuncia il ritiro dalla politica, ma il risultato è un home invasion quasi da cardiopalma, che riesce a inquietare con giochi d'atmosfera ben fatti e con personaggi (la squadra dei giovani 'assalitori') che si divertono e fanno bene quello che serve. Interessanti anche le piccole sottotrame emotivo-morali, ma secondo me le persone erano troppo spaventate per badarci realmente.

John dies at the end. 



La carissima Beatrix Kiddo di Cinquecentofilminsieme quando ha parlato di questo film l'ha definito 'un luna park dell'assurdo incredibile'. Mai definizione fu più perfetta, perchè Coscarelli aveva a disposizione poco più di un'ora e mezza ed è riuscito a metterci: una droga chiamata SALSA DI SOIA (è un genio, sì?), dei baffi volanti, gente che parla attraverso gli hot dog, mostri fatti di carne surgelata, creature che chissà cosa sono, Marconi che fa scoppiare il mostro di carne attraverso il telefono, gli alieni, una tipa che è alta e bionda, anzi no, è bassa e mora. Questo non è un film, è una visione mistica. E John è il mio personaggio dell'anno, ma non vi dico se muore davvero o meno. 

Evil dead. Ah, no, di quello ne ho parlato. Tutti qui.


Carrie, ti aspetto al varco, e ti conviene stare attenta, perchè lo sguardo di Satana sarà il mio.

giovedì 24 gennaio 2013

Maripensiero: Cosa ci aspetta nel 2013 horror.

14:01

Update del 24 gennaio: Ho scritto questo post a fine dicembre, ma ho volutamente aspettato che iniziasse l'anno e che arrivasse quel periodo in cui solitamente smetto di sbagliare data. Tanto per ambientarmi e mettermi comoda nell'anno nuovo.

Cominciamo!

Comincio a cercare le uscite horror del 2013, perchè una si deve organizzare. Dopo essermi fatta un'idea della situazione, ecco cosa ci aspetta.



LA BRODAGLIA Già VISTA

a.k.a remake, sequel, prequel, sticazzel.



Capolista obbligato di questa sezione è, e voglio vedere le vostre espressioni di incredula sorpresa, Paranormal Activity 5. Ragazzi, ne hanno fatti 5.

'Mari, ma non sei nemmeno curiosa di sapere cosa si saranno studiati questa volta?'

No.



A giugno inizieranno poi le riprese di Non aprite quella porta 3D.

Io me lo sarei anche visto, eh. Ma baaaaaaaaaaaaaaaaaaaaasta 3D! Una motosega è sempre una motosega, in tutte le dimensioni del mondo.
 



[Rec]4. Su questo non mi esprimo fino a che non avrò visto il 3. Ma la regia è di Balaguerò da solo. Mmmmmh.



The Human Centipede 3.Ma io proprio non lo so qual'è il problema della nostra società, non lo so.



Troviamo poi: Cabin Fever: Patient Zero (un prequel, giuro, un prequel), Esp fenomeni paranormali 2, The woman in black: Angels of death, Scream 5, Jeepers Creepers 3 (chi non muore si rivede), L'ultimo esorcismo 2 (ma beccatevi il poster), V/H/s/2, The curse of Chucky..
 

Sempre i soliti originaloni, eh?


Remake che non vorrò vedere: Martyrs, Suspiria e Pet Sematary.


Menzioni Speciali: Carrie e La Casa. Qua si gioca col fuoco. La mia prima reazione a questi remake è stata molta negativa, ma la verità è che i trailer non sono affatto male. Gli do una possibilità solo perchè, se attingi da un grande, solo un grande cretino può fare un lavoro pessimo.

Nel frattempo, godetevi i trailer:
 
 

 
 




COSA NON VEDO L'ORA DI STRONCARE



Warm Bodies. L'IMBD lo classifica anche horror. Ci sarà da ridere.



Mockingbird. Siamo di fronte ad uno strano caso di macchina da presa maledetta.

                                                             *no images found*

Nightfall. Vampiri in prigione, ho detto tutto.

                                                             *no images found*                                                           

Hansel e Gretel cacciatori di streghe. Dopo Lincoln che cacciava i vampiri. .



Frankenstein's Army. Soldati nazisti che ridanno vita ai compagni morti in pieno Frankenstein style.





COSA MI FARà CORRERE AL CINEMA



La madre. Ma quanto lo aspetto, sto film, ma quanto. E ringrazio la Bolla perchè mi ha fatto scoprire il corto da cui è tratto. Spero che le mie aspettative siano ben ripagate, perchè c'è un trailer che spostati.




Stoker. C'è odore di fighezza, qui. Non so se mi piacciono di più il poster o il trailer. Ve li metto entrambi.
 
 

 


The Green Inferno. Ci sono dei cannibali e Eli Roth. Ci sarà molto sangue.
 
 


Mercy. Tratto dal racconto 'Nonna' dell'amico Stephen King. Racconto agghiacciante come solo il vecchio Steph sapeva fare. Non per dire, ma è contenuto nella stessa raccolta (Scheletri) di 'La nebbia', quella di 'The mist'.



Se le mie aspettative saranno tutte rispettate, questo sarà un gran anno.

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+