Visualizzazione post con etichetta maripensiero. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta maripensiero. Mostra tutti i post

giovedì 6 aprile 2017

Neil Gaiman

13:33
Con cos'altro avrei potuto ricominciare?

DISCLAIMER: POST INFINITO

Un giorno ero in auto con Riccardo. Sfoglia alcune foto sul cellulare, ne passa una, simile a questa, se non proprio lei:

(è ancora la mia immagine preferita di Morfeo)
Mi colpisce molto, chiedo chi sia. Mi viene raccontato di Morfeo, del fumetto di cui è protagonista, mi viene consigliato, sempre per quel principio che vuole che Riccardo sappia esattamente cosa mi piacerebbe. Me lo procuro, quindi. Finisce così. Oggi leggo molti più fumetti di un tempo, ma niente, niente, si avvicina a Sandman.
Capisco durante la lettura di avere incontrato uno di quei cervelli che mi parla. Ognuno di noi incontra in certi artisti quelli che parlano direttamente al nostro cuore, che sembrano avere un linguaggio fatto su misura per le nostre necessità. Chissà perché, forse per affinità di sensibilità, per temi comuni, per passioni condivise. Per me queste persone sono due: Neil Gaiman, chiaramente, e Guillermo Del Toro, come vi dicevo qui.
Inizia quindi un percorso monotematico, che si prende un ramo del mio tempo e mi porta a non voler far altro che scoprire ogni cosa possibile sul signore in questione.
Se decidete di entrare in questo singolare mondo, e portarvici è quello che spero di fare con questo post, preparatevi a vedere il vostro, di mondo, cambiare. Lo vedrete riempirsi di tenerezza, e colore, e magia. E di arte, in tutte le sue forme.
Non voglio, quindi, solo parlarvi di come io vedo e amo Gaiman, ma voglio accompagnarvi attraverso una carrellata di cose che ha detto o scritto, per cercare di farvelo amare anche solo la metà di quanto lo ami io. Fare una selezione è stato difficilissimo, perchè NG è l'uomo più prolifico del mondo. King scrive tanto, ma ho l'impressione che Gaiman lo batta. Non solo libri per adulti e ragazzi, fumetti, raccolte di racconti, saggi e sceneggiature. No, lui scrive anche per i libri degli altri: compri un libro fotografico? Introduzione di Neil Gaiman. Libro su Guillermo Del Toro? Brano di Neil Gaiman. Libri sulla scrittura creativa? Indovinate saggio breve di chi.
Pensate di potergli sfuggire, ma non è così.
È Ovunque.

Capite? Non lo fermerete mai. (dal suo Tumblr)

Intanto, le presentazioni.
Neil Gaiman è lui:


Ora, io ho scelto una foto che gli rende particolare giustizia, ma sappiate che ha anche i capelli del creativo folle e incontrollato, scappato dritto dritto da Montmatre. Me lo immagino sempre così, circondato di fogli volanti pieni di annotazioni e con le penne infilate dietro le orecchie, che poi è il modo in cui immagino tutti gli artisti.

La caratteristica principale di NG è quella di conoscere molto bene le regole. Le studia, le approfondisce, le fa proprie. Poi le prende, le appallottola e le lancia lontano. Le ribalta, creandone di nuove, imponendosi di non avere confini, di non farsi vincolare in concetti che non servono a niente se non a ribadire se stessi. Non esistono etichette, generi, target prefissati.
Un esempio?
Neverwhere si apre con un prologo, come un impressionante numero di libri. Ma dove sta scritto che deve essere solo così? NG di prologhi ne fa due.


Per qualche motivo la cosa mi ha fatto ridere fino alle lacrime.
Sempre Neverwhere è fonte di un'altra riflessione. C'è una scena, che adoro, in cui il protagonista deve essere accompagnato ad una destinazione. Si arriva quindi alla metropolitana, convenzionalmente mezzo che ti conduce alla destinazione. Per NG no. La metro è la destinazione. E se sembra una cosa di poco conto, per me è invece la capacità di vedere al di là delle cose, di saltare l'ostacolo delle cose che abbiamo sempre saputo per crearne di nuove.
Cosa sono le stelle? Corpi celesti? E chi dice che non siano ragazze scontrosette invece, come in quel candore di libro che è Stardust? Voi direte: beh? è solo uno scrittore di fantasy! Che c'è di speciale?
C'è che non è vero, che non possiamo vincolare una creatività così ad un genere. Lui riscrive il mondo, gli dà una luce nuova. Apre la mente come solo gli Artisti sanno fare.

Non è un caso che i due grandi amori artistici della mia vita siano proprio Guillermo Del Toro e Neil Gaiman, perché i due hanno una gran cosa in comune. Insieme a loro mi viene da pensare anche a Miyazaki, per esempio. Parlo della capacità che hanno in quanto creatori di fantastico di rendere migliore il mondo reale. La magia del creare qualcosa che non esiste sta nell'essere in grado di renderla non solo un'evasione dal quotidiano ma anche un'ispirazione, una motivazione, un esempio, che non serva solo a gestire la vita reale ma anche, e soprattutto, a renderla migliore. Questa è una cosa che ha detto la signora JK Rowling, che di fantastico un paio di cosine le sa. L'intervistatrice, o chi per essa, parla delle lettere di Hogwarts, e dice che tutti ci siamo illusi di riceverla. Forse era uno scambio su Twitter. Veniva sottolineato proprio il fatto che tutti l'avessimo effettivamente ricevuta, ma solo nella fantasia. Rowling ha dato una risposta splendida:
«Certo che è stato solo nella fantasia, ma questo non significa che non sia vero.»
Se nel caso di Harry Potter il fenomeno è di ben altra scala, con NG questo fenomeno si verifica in ogni romanzo. Io sono stata a vivere in un cimitero con quel personaggio indimenticabile di Nobody Owens, sono stata oltre Wall e nella Londra sotterranea. Sono stata nel mondo dei sogni e all'inferno. La salita e la discesa tra i mondi in cui questo uomo bambino mi ha condotto sono state talmente dolci da non avermi mai fatto sbattere le chiappe per terra. Il suo modo di prenderti per mano è accompagnato da parole di una tenerezza che non ho incontrato in altri. A volte lo leggo e sorrido, e basta. Perché è in grado, con le stesse parole con cui noi comunichiamo per comprare un etto di prosciutto, di emanare vapori di candore infiniti, come se la sua anima non conoscesse le brutture del mondo.

Per farvi un esempio di quello che intendo, quello che segue è l'inizio di Stardust. Sorridete?
Anche io.

C'era una volta un giovane che desiderava ardentemente soddisfare le proprie brame. E fin qui, per quel che riguarda l'inizio del racconto, non v'è nulla di nuovo (poiché ogni storia, passata o futura, che narri di un giovane potrebbe cominciare alla stessa maniera). Ma strano era il giovane e strani i fatti che lo videro protagonista, tanto che egli stesso non seppe mai come andarono veramente le cose.

Leggendo questo articolo del Guardian, trasposizione di un discorso di Nostro Signore, si capisce quello che lui con i suoi libri cerca di raccontarci: un infinito e spassionato amore verso la letteratura, verso quello che le storie ci regalano quando sono raccontate come meritano.

È facile con persone del calibro di Gaiman confondere il creatore con la persona. Tale stupefacente genuinità non può stare in un'anima sporca. Un esempio anche di questo? Ce l'ho:

risposta diventata virale non a caso
E se non vi bastasse, vi dirò anche questo: la grandezza di un uomo si vede anche dal modo in cui parla degli altri. Neil Gaiman è una fangirl. Lo nasconde bene, vuole fare il duro, ma quando parla di quelli che ama lo fa con un tale affetto e con una stima talmente forte da trasparire da ogni parola. Non vi linkerò ogni video presente sul tubo in cui Neil parla bene di qualcuno, vi lascio il suo ricordo di Terry Pratchett, con cui ha scritto quella delizia di Buona Apocalisse a tutti! 



Ma come? Un post intero sul suo autore e neanche un accenno ad American Gods, uno dei romanzi migliori scritti negli ultimi decenni?
No. Il primo maggio esce la serie e io sono in ritiro spirituale.
L'avete visto il trailer? Parliamone, abbracciamoci, rileggiamolo, amiamoci. Facciamo un gruppo di lettura? Uno di sostegno?
Piangiamo.

Per concludere, vi lascio a Lui. Le sue parole, in un quarto d'ora, annulleranno ogni mia virgola scritta qui, o forse ne daranno solo conferma, in quel modo speciale e nasale che ha Lui di dire le cose.



sabato 21 gennaio 2017

Una dichiarazione d'amore a Martin Freeman

18:17
Sherlock è finito, le serie tv non hanno più un senso e nemmeno io mi sento benissimo.
Dovete concedermi un ultimo post sull'argomento, poi giuro che chiuderò il mio dolore nel silenzio.
Che Benedict Cumberbatch sia un talento vero non c'è certo bisogno che ve lo dica io. Sapete anche, dal post che ho scritto sul suo Hamlet, che non c'è uomo al mondo che trovi più bello ed elegante di lui.
Ma c'è bisogno assolutamente che sia fatta luce su Martin Freeman, perchè io non posso credere che la cosa più grossa che gli sia stata data fuori dalle serie tv sia LO HOBBIT. Non posso e non voglio crederci.

Lascerò qui, quindi, una raccolta delle facce di John Watson, cosicchè sia più chiaro a tutti di cosa è capace il suo interprete. No, non di fare faccette, chè qua mica parliamo di Johnny Depp. Di recitare. Ogni piega, ogni centimetro del suo volto sembra investito nel lavoro, e la sua cpacità di perdersi dentro quello che sta dicendo è assoluta. Ve ne lascio qualche prova.













QUESTA





Martin, bello di zia. Sono felicissima di avere fatto la tua conoscenza. Ti auguro la carriera straordinaria che meriti, il successo tardivo di un Bryan Cranston e anche di tornare con Amanda Abbington perchè la bimbamichia da tumblr che, come si evince da questo post, è ancora viva e vegeta in me vi adora con tutto il cuore e vi trova pazzechi insieme.

Adesso per un po' basta Sherlock, lo giuro.

sabato 10 dicembre 2016

Maripensiero: Gift Guide 2016

14:10
Un giorno capirò come funziona facebook, e quel giorno capirò come mai le persone che mettono il like alle pagine vedono solo alcuni contenuti. Quel giorno non è oggi, chiaramente. Giorni fa ho attivato il programma affiliazione di Amazon, e questo post è ovviamente una scusa per ribadirlo anche qui,visto che su fb è stato visto da più o meno solo me e una mia amica, sperando che la cosa non arrechi fastidio nè danni fisici ad alcuno.

MOMENTO SPIEGONE PER CHI FOSSE NATO SU NAMEK
Da un paio di settimane in fondo ai post trovate dei link. Se parlo di un film il link rimanda alla pagina Amazon da cui acquistare il dvd o il bluray del film in questione, se parlo di libri idem. Io ci guadagno una piccola percentuale e voi non spendete niente in più. Sì, si fa per guadagnare qualcosina e sì, conto di diventare ricca entro la fine dell'anno. Anche alcuni dei link che troverete qui saranno link affiliati e più ne approfittate più il mio proposito di ricchezza e lusso si realizzerà.

Per non fare un post con il solo scopo di dirvi una cosa che con molta probabilità nemmeno vi interessa, ecco il modo per arricchirlo con un briciolo di contenuto. Tra poco è Natale e a me la cosa fa venire voglia di morire, MA voglio i regali. Li volete anche voi. E se quindi io sbavo su questa serie di cose, voi dovete sbavare con me. Mi sono allargata come mio solito, però, perché non di solo Amazon è fatto il web.
Prometto che non ci saranno magliette con scritto I'd rather be reading nè tazze con scritto Netflix&Chill. Qua ci sono solo cose che piacerebbero un sacco a me. Praticamente una wishlist.

Se avete amici che fanno finta di essere autori di successo

http://amzn.to/2hx1W0i

Questo splendore è scritto da Jeff Vandermeer, che tutto l'universo letterario conosce per la trilogia dell'Area X che a quanto pare è piaciuta a tutti tranne che a me. Coloratissimo e pieno di spunti interessanti, racconta come si racconta una storia. Ed è bellissimo.

http://www.asos.com/ban-do/bando-compliment-pencils/prd/6911812
Se invece il vostro amico fosse un hipster di cacca come me e scrivesse i propri libri a mano e a matita (ehm), qui una serie di matite incoraggianti. Oh, son bellissime.

Per chi è più bravo ad avere a che fare con persone scritte in un libro che con quelle reali

Mai regalare un libro ad un lettore se non lo si conosce benissimo. Siamo creature snob e dai gusti generamente altisonanti, rischiate di rovinare anni di rapporti felici. Il mio (non richiesto) consiglio è di lanciarsi su edizioni particolari di libri che si sa già l'interessato ama. Quelle illustrate, imho, sono la cosa migliore mai creata.

http://amzn.to/2gLVIJI
http://amzn.to/2hx7lEj

Bur ha tirato fuori dal cappello magico questa collana bellissima di classici illustrati. Sono una roba incredibile, e se io vi ho linkato qui solo quelli che per ovvi motivi mi attraggono di più, sappiate che esistono, tra gli altri, anche Peter Pan, Moby Dick, La Divina Commedia, Jane Eyre. Nemmeno 15 euro l'uno.

http://amzn.to/2hxdNeL
Lo so che lo aspettavate. A me spacca il cuore perché è uscito da più di due mesi e ancora non l'ho potuto prendere. Se avete qualcuno che ama i libri di HP molto più di quanto ami i film, questo è una coccola. I disegni sono incantevoli, molto più rappresentativi di quanto i film siano mai stati. Io col primo volume faccio questo: quando sono di cattivo umore (spoiler: sempre), mi faccio un tè con i frutti rossi, o una tisana per dormire, mi siedo sul letto con lo scaldasonno accesso, metto una candela (sì, come le biutiblogger, mi piacciono le yankee candle, ok?) e sfoglio Harry. Ti rimette in pace con l'universo.


http://amzn.to/2h9DBAy
Se siete a conoscenza dell'amore verso un autore o un tema in particolare, ecco che Newton Compton (che da tempo è quella col trattamento più furbo verso i classici, ma col catalogo narrativa più tremendo della storia ever) ci viene incontro con i suoi Mammut, 10 euro di parole. Io qui ho messo Lovecraft, ma c'è davvero di tutto. I miei preferiti: la letteratura dell'800, tutto Sherlock Holmes, i grandi romanzi gotici, la serie di Piccole Donne, l'ombnibus di Jane Austen, I tre moschettieri + Vent'anni dopo, e ovviamente la raccolta di grandi romanzi horror. Ma ce n'è davvero per tutti i gusti.


http://amzn.to/2h9Kdia
E se l'amicone legge in digitale? Innanzitutto l'amicone fa bene. Poi vi offre una praticissima idea regalo: la custodia per il suo lettore ebook. Quella della foto è adorabile, ma il web pullula di siti che personalizzano le cose.


http://amzn.to/2h9ztAu
Qualche veloce consiglio se si parla di fumetti. Sclavi is back, back again, con una storia che si chiama Dopo un lungo silenzio. Per gli amanti di DD. Quindi immagino per tutti, ché tutti si ama Dylan, giusto?

Un ultima coccola per chi ama NEIL GAIMAN. Se nella vostra vita ci sono persone che non amano NG, quelle sono persone da debellare. Lo shop con i suoi gadget si chiama NeverWear, e ditemi che il nome non è una chicca bellissima.

Se il cinema non è una passione solo vostra ma anche, fortunelli, di qualcuno che vi sta intorno

http://amzn.to/2hx0R8y
Questo costa una sassata. Ma se siete disposti a spendere qualcosina in più per qualcuno che se lo merita molto e che magari ci scappa pure che ami Del Toro, è un regalo da piangerci. A me è stato regalato per il compleanno (e sì, me lo sono meritata), e questa può fare da review: è un gigavolumone, che sta bene anche come libro da coffee table e quindi vale anche come doppio regalo, pieno di foto, racconti, aneddoti, disegni, del regista del fantastico che mi ha rubato il cuore. Si parla della sua splendida casa-museo, dei numerosissimi quaderni che tiene da anni, dei suoi film. Ci sono anche moltissimi interventi di personalità di insignificante rilevanza, come Cameron, NEIL GAIMAN! NEIL GAIMAN!, e chiaramente di Ron Perlman, senza il quale il libro in sè non sarebbe stato nemmeno immaginabile. Bellissimo e basta. Costa comunque una sassata, vi ho avvisati.

       https://www.etsy.com/shop/TVandFilmScripts?ref=condensed_trust_header_title_items
 Questo negozietto Etsy vende script di film e serie cult, autografati. Qualcuno crede che quegli autografi siano reali? Spero bene di no, ma se come me il destinatario del vostro regalo ama le scartoffie, questo pensiero può essere davvero carino. E con una 15ina di € ci fate bella figura.

http://amzn.to/2glNVl6
Io non amo i dvd. Non li colleziono, ne ho giusto 4 o 5 dei film che contano di più. Non so quanto oggi abbia senso acquistare o regalare dvd semplici, ma ci sono alcuni pacchetti da collezionista che secondo me sono ottimi da regalare. Sono la classica cosa che uno non si comprerebbe mai perché costa ma che, se regalata...
Quella della foto è di Blade Runner ha poster, bluray, maglietta e cartoline. Ma è solo un esempio ovviamente. Il web ne pullula.

http://amzn.to/2hxeGE7
Altra collana carina da morire: Big Ideas Simply Explained. Sono libroni, quindi anche questi validi come coffee table books, che parlano in modo efficacissimo e colorato di mille argomenti e hanno un prezzo ridicolo, siamo anche qui sotto i 20 sacchi. Questo è per ovvi motivi quello che desidero di più, ma non scherzano nemmeno quello sulla letteratura o quello su Sherlock Holmes. Per i più letterati tra noi c'è pure Shakespeare.

https://www.etsy.com/listing/458169666/jaws-t-shirt-unisex-size-s-m-l-xl-t?ga_order=most_relevant&ga_search_type=all&ga_view_type=gallery&ga_search_query=jaws%20tshirt&ref=sr_gallery_5
Per motivi a me del tutto inesplicabili la maglietta cinematografica che trovo più bella di tutte è quella de Lo squalo. Non è nemmeno il mio film preferito, ma la maglietta la bramo ardentemente. Se poi conoscete qualcuno che lo ami anche più di me, a voi il link. Come (quasi) ogni cosa che consiglio io, è poveryproof.

www.emp-online.it/
Emp è il paradiso del geek e della fangirl media. (Dio solo sa quando ho iniziato a parlare così.) Ci sono cose di ogni tipo su tutte le serie e i film cult. Un po' meno poveryproof, ma se riuscite a uscire da lì senza trovare nulla significa che non avete speranza. In questo caso l'unico regalo che potete fare sono i biscotti, e io li trovo il regalo migliore della lista.

http://amzn.to/2glWOuH
Leo Ortolani che recensisce film. Non serve altro.
Se invece il vostro amico cinefilo ma ignorante non conoscesse il papà di Rat-Man ma voi voleste (a ragione) farglielo conoscere a tutti costi, si può optare per le sue storie dai vaghiiissimi richiami cinematografici: Venerdì 12, AllenStar Rats, Il signore dei ratti e persino The walking rats.
Alert: fanno spaccare dal ridere.

http://amzn.to/2glTCPW
Quelli di BAO secondo me sono bravissimi, hanno un catalogo che migliora di giorno in giorno. Mannaggialapupazza però se i loro sono volumi costosi, quindi fateci attenzione. Il sequel del film del 99 è uscito in graphic novel, e le review che ho letto finora sono positivissime. Regalone.

Ultimo ma ASSOLUTAMENTE non per importanza è questo luogo fatato del web: il Wes Anderson Shop, Direi che dal nome è chiaro di che cosa stiamo parlando, ma ve lo riassumo. Diviso per film, il sito è PIENO RASO di gadget a tema Anderson. Prego, sono qui per voi.


Se non amate le feste, come la sottoscritta, garantisco che il modo migliore per uscirne più o meno indenni è pensare solo agli altri, distogliendo l'attenzione dal nostro malcontento. Sorriso ipocritissimo, regalo incartato come Pinterest comanda, e passa la paura. Anche ingozzarsi di pandoro comunque aiuta. (Qui tutti #teampandoro vero?)
Sopravviveremo anche quest anno, amici miei!
Buone feste a tutti quanti:*

domenica 9 ottobre 2016

Maripensiero: Guillermo Del Toro

14:04


Il Cinema è una di quelle cose, come l'arte in genere o i profumi, per esempio, che segnano le fasi della vita, sia di chi se ne dichiara grande appassionato sia di chi lo vive come un semplice svago. Non è un caso se da adulti ci ricordiamo ancora le canzoni dei film che guardavamo da piccoli.
(Garantisco che se li ricorda anche chi di cinema se ne frega, avrei qualche amico da citare ma confido che chi di dovere si riconosca!)

Una nuova, diversa, fase della mia vita è iniziata quando ho visto il mio primo film di Del Toro, quell'omone dal viso incredibilmente simpatico che oggi compie 52 anni. Una fase molto recente, eh, questo non è un amore che dura da una vita. È iniziata così: io e Riccardo abbiamo il nostro personalissimo cineforum, che ha sede sulla sua auto ogni volta che torniamo dal cinema. Un giorno mi dice che secondo lui mi piacerebbe tantissimo Il labirinto del fauno. Lo conosco solo di fama, mai visto. Riccardo, però, ha totale accesso alla mia mente, se vede una cosa sa immediatamente quale sarebbe la mia reazione a riguardo. Se mi dice di vedere il Fauno, quindi, io lo guardo. E la mia vita cambia.
(Credo di non averti mai detto che è tutto merito tuo. Grazie.)

A lui non è piaciuto granché, dice. Io lo so il perché. Non è vero che non gli è piaciuto, è solo troppo ferito. Io ci ho messo giorni a riprendermi, e ancora adesso vedere Ofelia mi lascia un macigno sul cuore. Esiste una recensione, qui sul blog, che ai tempi era piaciuta e che io ora mi vergogno a rileggere perché la odio. La strapperei, ma nessun post è mai stato cancellato dall'universo redroomiano e non inizierò certo ora. 
A film finito ho pensato che allora una dimensione adatta a me ESISTEVA. Solo che non l'avevo ancora trovata. Un mondo in cui la magia esiste, ma senza le bacchette magiche, in cui i colori non erano solo lì perché ci erano capitati, ma perché qualcuno ci stava giocando, in cui la mente e la fantasia sono IMPORTANTI, e non capricci di un bambino. 
Ho pianto fino a sentire i dolori alla pancia, la prima volta che ho visto un film di Del Toro, e se ad una persona sana questo può far dire 'Ok io di questo non vedo più niente' a me ha fatto dire 'Non voglio altro che questo'.

Palesato il mio entusiasmo a Riccardo, mi sento dire che è il turno di Hellboy.
Uououo, calma, che a me i supereroi stanno tendenzialmente sulle balle. 
'Ma no, fidati, guarda che è una cosa diversa.'
E nella mia vita entra anche un coso rosso molto grande con il sigaro e i gattini. 
Dopo di lui ci sono stati altri bambini, con i loro fantasmi reali o metaforici, vampiri, uomini pesce, generali, robottoni giganti, amanti sofferenti.
È troppo facile dire che i film di Del Toro sono belli. Lo sono, fine del post e ciaone con la manina. Lo sapete che non sono una tecnica, se volete che vi dica quanto e perché sia un bravo regista non è qui che dovete rivolgervi. Ricordo un post di Lucia in cui parlava di quanto fossero ben girate le scene d'azione di Pacific Rim, cercate lì, che io non ci capisco un cazzo.

Quello che a me ha lasciato interdetta è il filtro straordinario attraverso cui le persone come Del Toro interpretano il mondo. Lo stesso mondo che vedo io. Le stesse foglie degli alberi, le stesse risate dei bambini, le stesse notizie al tg. Vive come me, mangia come me (forse un po' di più, ma niente body shaming), suppongo espleti anche le mie stesse funzioni corporee. Eppure sembra che sia stato dotato di qualcosa che ai comuni mortali non è stato consegnato. Una mente incredibile grazie alla quale quella che io vedo come una bambina per lui diventa una principessa strappata al suo regno. È strabiliante. 
La Mari di qualche tempo fa avrebbe provato invidia per questo superpotere: quello di rendere magico il mondo. Oggi, sebbene non neghi che avere il cervello di questo signore non mi dispiacerebbe per niente, sono grata che ce l'abbia lui. Grata di essere nata in un'epoca in cui posso andare al cinema a vedere che cosa la sua mente stavolta ha fabbricato. Grata di poter accendere il pc, e di permettere ad un universo nuovo di entrarmi dentro e di rendermi un po' migliore, ogni volta.
Un po' più sensibile, un po' più aperta alle storie di chi mi circonda, un po' più umana, perché è proprio il fantastico, quando è così, che ti fa amare ancora di più la realtà.
Le persone come Del Toro (insieme a lui mi viene in mente il solito Neil Gaiman, per esempio) mi fanno credere che allora il problema non è il mondo, il problema sono io. Il mondo non è grigio, o triste, o monotono, o banale. Sono io che quando guardo un albero vedo solo un tronco con delle foglie, loro mi stanno insegnando ad aprire bene gli occhi, quelli che stanno dentro al cervello, perché dentro l'albero ci sta Doug Jones, e non è mica colpa sua se io non l'ho visto. 
Perché i segni del passaggio della principessa sulla terra sono visibili solo agli occhi di chi sa guardare, e dio solo sa quanto sono grata a Guillermo Del Toro per avermi insegnato a farlo.



venerdì 15 luglio 2016

Maripensiero: The Hunger Games saga

19:29
Ci sono ragazzi pieni di cervello e passione che a 16 anni guardano Fellini e citano Tarkovskij, altri che vivono di storielle d'amore maldestre e poi c'ero io, che cercavo un modo di barcamenarmi tra le due fazioni.
Sì, gli young adult li guardavo e li leggevo.
Con l'aumentare dell'età è cresciuta anche quella puzza sotto il naso che mi ha tenuta alla larga dagli Hunger Games per anni.
E poi fu Netflix, e il suo essere costante tentazione.
Quindi eccomi qui, dopo una maratona di due giorni, a raccontarvi che cosa ne penso oggi, dopo esperienza diretta, dei 4 film (i libri mancano, non credo che quelli li recupererò, però) che ci hanno lanciato in mezzo ai piedi la Lawrence.


OVVIE RIVELAZIONI ROVINAFILMS
Ebbene, siamo in un futuro distopico, ché senza quello gli young adult non li possono buttar fuori.
In questo futuro distopico in particolare ci troviamo nello stato di Panem. La particolarità della nazione è quella di essere divisa in 12 distretti, i quali verseranno ogni anno al governo un tributo sotto forma di due giovani che saranno chiusi all'interno di un'arena, in un gioco al massacro (gli hunger games, appunto) dal quale solo uno dei 24 partecipanti uscirà vivo.
La nostra storia inizia quando ad essere selezionata a partecipare ai giochi è la nostra protagonista, Katniss Everdeen.
Chissà perché in ste storie i personaggi non possono avere nomi comuni.

Il motivo del successo, in particolare tra i giovanissimi, è palese anche agli occhi di chi, come me, di solito ha una capacità di analisi da quinta elementare.
Katniss è un personaggio perfetto, studiato a tavolino per essere amato: intanto, è bella. E tanto dovrebbe bastare, perché all'adolescente media vedere una bella protagonista è sufficiente per tifare per lei. Ma non è solo quello. È coraggiosa, un po' sbruffoncella (il suo modo di rispondere alle figure autoritarie è per me, piccola cagasotto, ancora inspiegabile), brava con l'arco (no, non brava, bravissima, la più brava di tutti), però anche tanto tanto sensibile. Colpo di grazia, ha non uno, ma DUE, pretendenti invidiabili. Uno è Liam Hemsworth, e non serve altro. L'altro poverino non è proprio stupendo ma è quello buono sensibile e pieno di buoni sentimenti.
E io le vedo, le 15enni stramazzare al suolo, implorando dio di rinascere Katniss Everdeen. C'hanno ragione, c'hanno. Oltretutto la Lawrence è brava davvero.

A funzionare, secondo me, è anche la sensazione di rivolta. Parlo per opinione personale, perché ho un ricordo netto di me adolescente che ritenevo che il migliore degli Harry Potter fosse L'ordine della fenice, per la sensazione di pentola di fagioli in subbuglio, per l'aria di rivolta, per il mondo finalmente in rivoluzione. Poi no, crescendo no, l'Harry Potter migliore è Il prigioniero di Azkaban, questo è cristallino.
So che devio discorso, scusate, lo faccio anche irl.
Comunque, credo che questo senso di ribellione faccia molta presa, ecco, volevo dire solo questo.

Il primo film funziona, poche storie. Gli attori sono bravi, quasi tutti, è coinvolgente, dura molto ma non si sente perché riesce ad essere leggero pur trattando anche temi pesantini.
Dove sta il problema?
Che arriva il secondo.


La ragazza di fuoco è una specie di autocopia, un remake non ufficiale, non me lo spiego.
Parliamoci chiaro: Katniss ha vinto gli Hunger Games l'anno prima, ma siccome è una SFIGATA, l'anno dopo è l'anniversario, è la volta di festeggiare la memoria, TORNA NELL'ARENA.
Davvero fate?
Volendo quello sarebbe anche il meno, eh, sia chiaro, perché il suo essere di nuovo in gioco ha i suoi risvolti, e tutto quanto. Potrei perdonarlo, se non fosse che all'interno dell'arena succedono le STESSE cose della volta prima.
Esempi affinchè non sembri che io dica cose a caso:

  • Il personaggio dolce ed affidabile, che Katniss sceglie come alleato e che, chiaramente, fa una fine infelice: prima era Rue, piccola e bellissima, poi Mags, un'adorabile anziana muta. Poteva funzionare la prima volta, per farci vedere quanto meravigliosa fosse la Katniss, ma quando per la seconda volta l'ho vista fare uno dei suoi rari sorrisini alla nonna le mie braccia si sono staccate dal corpo.
  • Le ferite per mano di animali: di là le simil vespe, di qua le scimmie. Stesse dinamiche, lei fuori gioco per un po', lei in pericolo, poi tutto ok. Basta, dai.
  • Katniss che con il suo arco fa qualcosa di completamente inaspettato. Questo è un fil rouge delle 4 storie, ma in particolare nel primo film colpisce la mela e nel secondo la cupola che riveste l'arena, un. po'. noioso.
  • Peeta che rischia di morire e invece no. (Nel primo per la gamba e nel secondo quando colpisce la cupola)


Mi fermo qui, ma insomma, avete capito direi.
Bellissima e crudele la trovata dell'orologio, forse la sola cosa che mi fa salvare questo secondo, infelice, capitolo.

Mockingjay, diviso in due parti perché ADESSO SI DEVE FARE SEMPRE COSì, si rivela completamente diverso dai precedenti. I giochi sono conclusi, una volta per tutte. Bene, direte. E invece no, i giochi li portiamo fuori dall'arena e ne facciamo una guerra. Reale.
Il popolo è in rivolta, a nessuno le condizioni del presidente Snow sembrano stare bene, la figura ispiratrice di Katniss diventa simbolo di sentimenti repressi troppo a lungo: è rivoluzione.
I colori sgargianti e i look bizzarri di Capitol City vengono sostituiti dalle grigie e malconce divise dei rivoluzionari, tutti uguali perché uniti da un solo desiderio.
Oh, mi sono fatta prendere, che vi devo dire.
Perché alla fine è questo, no, che conta? A meno che vogliamo intavolare una profonda conversazione sulla tecnica e sull'importanza storica nel mondo del cinema, e di solito su questo blog non vogliamo, è il coinvolgimento che conta. Io ho lasciato che la storia mi appassionasse, in particolare nei momenti migliori. L'atmosfera si respira, avvolge, in particolare fare una maratona e godersela di fila è una bella esperienza. Si entra nell'aria della rivoluzione lentamente, e quando ci si è dentro si combatte con loro.
E si, il finale è ridicolo, ma niente che non si possa tollerare.



Somiglia o no, allora, a Battle Royale?
Sì, chiaro. Sta a voi decidere se vi importa.

martedì 1 settembre 2015

Maripensiero: I miei film preferiti

11:17
Oggi è il primo di settembre.
Vi apparirà forse una banalità specificarlo, ma in casa mia (ma sono certa anche in casa vostra) significa FINALMENTE fine di qust'estate di sto cavolo. E io ne gioisco immensamente, il che per me è paradossale dal momento che amo il caldo torrido e il sole.
Concludo questa spaghettata di affaracci miei raccontandovi che la degna conclusione di questo periodone si è concretizzata con la morte del mio pc. E con morte intendo che lui ci prova ancora a tirare fiato ma che i medici hanno ormai diagnosticato la morte cerebrale. 
Non appena arriverà quello nuovo ritornerò a stalkarvi e a recuperare tutti i vostri vecchi post che mi sono persa con mia somma rottura di palle.

Riassumere in un solo post tutti i film che governano sul mio cuore mi sembrava un buon modo di ricominciare. Chi bazzica da queste parti da un po' riconoscerà i soliti titoli noti che tiro in ballo con frequenza regolare, ma mi piace l'idea di averli tutti qui insieme, per venire a farmene coccolare qualora avessi bisogno di terapia.
L'ordine è rigorosamente sparso, che ve lo dico a fare.

  • Shining (1980, Stanley Kubrick) 

Navighiamo nell'ovvio. Il film a cui ogni virgola di questo blog è dedicata, dal titolo in poi, l'Opera d'Arte Definitiva. Tante volte ho cercato di trovargli un difetto, mi ci sono anche impegnata, ma niente, Shining va oltre l'umano. Forse una scelta più di testa che di cuore, ma ogni volta che premo play e vedo quella magnifica sequenza iniziale rimango sbigottita di fronte a quello che un essere umano può fare.
Ogni volta che mi veniva chiesto quale fosse la mia passione io avevo difficoltà a rispondere, poi un giorno ho capito che io sono appassionata di talento.
Amo gli scrittori capaci, che sorprendono col loro modo di usare le parole irraggiungibile per noi semianalfabeti, amo gli illustratori e li invidio tantissimo perché io non so fare nemmeno la o con il bicchiere, amo i musicisti e gli autori che sono in grado di tirarmi fuori emozioni che nemmeno sapevo di avere, e soprattutto amo i registi che miscelano le parole, le immagini, le emozioni. Ecco, Kubrick sta SOPRA alla mia personale definizione di talento.
Lui è proprio un'altra cosa.
Il sangue che scorre dagli ascensori mi causa ancora oggi un'angoscia ineguagliabile.

  • La città incantata (2001, Hayao Miyazaki)

Non mi piacciono i cartoni animati.
Ecco, l'ho detto.
Ci sono alcune eccezioni che si sono fatte voler bene, ma in linea di massima li evito perché mi stufano tantissimo ma più probabilmente perché sono una bestia senza cuore.
Ma La città incantata mi ha preso il cuore e ha deciso di tenerselo. Appurato che lo Studio Ghibli è in generale di un livello talmente superiore da non potersi paragonare a nessuna delle case occidentali se non per umiliarle tremendamente tutte, questo film in particolare non è altro che Poesia.
Ogni disegno, ogni colore scelto, ogni parola pronunciata, ogni personaggio, TUTTO in questa pellicola è Poesia, noi possiamo solo leggerla, farcene conquistare, lasciargli lo spazio che merita, e farci rubare ogni emozione. Perché se le prenderà tutte senza eccezioni.
Ne ho parlato in modo più approfondito qui.

  • Harry Potter e il prigionero di Azkaban (2004, Alfonso Cuàron)

Vi ho fatto una testa così con Harry Potter in questo post.
Di tutti e 7 i libri, però, ce n'è uno in particolare che supera abbondantemente la qualità (indiscussa e indiscutibile) degli altri, ed è il terzo. Stesso dicasi per il film.
In questo libro (e quindi nel film) c'è la mia scena preferita della saga. Uno dei capitoli migliori di ogni libro che abbia mai letto.
Harry, Ron ed Hermione sono finiti nella Stamberga Strillante con il professor Lupin. E' il momento in cui scopriamo la verità su Sirius, su chi sia realmente, su cosa è davvero successo la notte in cui sono morti James e Lily, su chi li abbia traditi.
Un romanzo intero per giungere a quella magnifica scena, in cui Lupin (a mio modestissimo parere uno dei personaggi migliori di ogni tempo) sta combattendo tra quella che credeva essere la verità e il suo bisogno di smentirla, la voglia di credere che Sirius fosse innocente e la consapevolezza che in fondo lui questa innocenza l'aveva sempre creduta. Il tutto di fronte a tre ragazzini convinti di essere in pericolo di vita e che invece non si rendono conto di essere nel luogo più sicuro del mondo, in compagnia di alcune tra le pochissime persone che darebbero la loro, di vita, pur di salvarli.
Per me tutti gli psicologi del mondo potranno scrivere migliaia di saggi, ma il migliore trattato sull'amicizia mai letto signori l'ha scritto la Rowling in un libro per ragazzi.

  • Il cigno nero (2010, Darren Aronofsky) 

Ormai il mio livello di fangirlismo per Darren sta raggiungendo livelli imbarazzanti. Il cigno nero è il film che avrei voluto girare io, se mai mi fosse venuta la passione per la regia. Per quegli splendidi movimenti di macchina che mi lasciano senza fiato (ma ci balli, tu Darren, con ste macchine da presa? Non si spiega altrimenti.), per quella sequenza finale da brividi, per quella recitazione incantevole a cui non avrei dato due spicci, per il modo in cui si è preso l'animo umano e lo si è spolpato, sviscerato ed esaminato, così raffinatamente.
Per quella grandiosa scena di Natalie Portman che cammina da sola e incrocia un'altra donna che altri non è che sempre se stessa e che mi ha lasciato senza parole.
Quanto bene posso volere a questo film, mi ha lasciata incredibilmente senza parole.

  • Dirty dancing (1987, Emile Ardolino)

Quando entra in gioco l'infanzia c'è poco che si possa dire.
E' il film che mi ha tirata su e mi ha accompagnata per tanti di quegli anni che è come se si fosse fuso con gli avvenimenti della mia vita.
Ve ne parlo qui.

  • La casa (1982, Sam Raimi)

Non guardavo film horror da qualche anno, causa traumi subiti dalla visione in età decisamente poco consona de L'Esorcista. 
Poi un giorno sono andata in edicola a comprare una rivista di videogiochi per mio fratello, e in omaggio c'era questo dvd. La curiosità, e il germe della passione che stava ancora dentro di me e che non vedeva l'ora di rispuntare, hanno vinto sulla paura e da allora sono rifinita nel vortice di quel certo tipo di cinema da cui ancora non riesco ad uscire.
Quello che rende il lavoro di Raimi tanto speciale è che quando l'ho visto per la prima volta mi sono sentita nello stesso modo in cui con ogni probabilità si sono sentiti loro mentre lo giravano: in giro a cazzeggiare con degli amici deficienti.

  • Little Miss Sunshine (2006, Jonathan Dayton e Valerie Faris)

Perchè da quando ho visto questo film ho capito il vero motivo per cui mal sopporto le commedie (con le dovute eccezioni): perché non sono tutte così.
E' dolce di quella dolcezza che piace a me, mai totale e stucchevole, ma che riesce ad essere tale pur comprendendo al suo interno le dovute dosi di amarezza o nostalgia. E poi è un po' weird, con questi personaggi anomali e allo stesso tempo così reali.
E quel balletto finale, degno del Sundance, quanto potrà essere adorabile?

  • Kill Bill  (2003/2004, Quentin Tarantino)

Io LO SO che i cinefili seri e competenti quando pensano a Quentin dicono che i suoi film migliori sono altri.
Lo rispetto, eh, anche io amo praticamente ogni cosa esca dalle sue manine dorate, gli vogliamo tutti un bene dell'anima.
Ma Kill Bill è una BOMBA.
E' Uma Thurman STREPITOSA, è tonnellate di sangue, è i Santa Esmeralda, è il Pussy Wagon, è intrattenimento intelligente e citazionista, è cinema allo stato brado, è goduriosissimo.
Decisamente il mio preferito.

lunedì 11 maggio 2015

Maripensiero: Harry Potter

18:34
(Questo è un post abbastanza personale. E con abbastanza intendo molto. Prendete quello che ne uscirà con le dovute precauzioni, poi la prossima volta torniamo a fare i cazzoni come sempre che è il motivo principale per cui MRR esiste)

Più volte mi sono detta che avrei davvero dovuto parlare anche di Harry Potter, qui sul blog. E ci ho provato, eccome se ci ho provato. Ho scritto tonnellate di parole che poi sono finite nel cestino in tempo record.
Niente era mai abbastanza. Niente era sufficientemente poetico, o adeguato, o significativo. Quindi via, nel dimenticatoio.

Poi ho capito dove stava il problema.
Per parlare di qualcosa di così tanto amato non posso usare espedienti ricercati, non posso cercare di creare qualcosa all'altezza.
Niente potrà mai essere all'altezza di Harry Potter perché, semplicemente, Harry Potter non è in alto.
Sta quieto in basso, in mezzo a noi, con l'umiltà e la tenerezza che contraddistinguono la sua splendida autrice.

Come tonnellate di altri bambini al mondo, sono arrivata ad Hogwarts nel 2001, con l'uscita in sala del primo film, Harry Potter e la pietra filosofale. Mi ci aveva portato un'amica di mamma, la zia Stella. Rimasi talmente folgorata da desiderare il libro immediatamente (la mia passione per i libri è nata molto prima di quella per il cinema). E così via, libro e film, libro e film, libro e film, per DIECI ANNI della mia vita.
Il caso ha voluto che nel 2001 io avessi 11 anni. Come Harry.
Ne ho avuti 12 quando ne ha avuti 12 lui, e siamo venuti su insieme fino al momento in cui crescere non era più rimandabile.

Facciamo un passo indietro.
A 11 anni non ero una bambina felice.
Non sono stata felice a 12 anni, nè a 13, e non posso certo dire di esserlo ora.
La mia famiglia mi ha sempre fatta partecipe degli eventi che ci accadevano, fin da quando ero piccolissima. Ho convissuto in piena coscienza con problemi non indifferenti fin da quando so parlare.
Se state scrivendo un commento a proposito di queste affermazioni, fermatevi, per favore. Non è certo la vostra commiserazione il motivo per cui sto scrivendo questo ma per farvi comprendere a fondo il clima in cui la saga della Rowling si è trovata impiantata.
Perché questo ha fatto. Si è impiantata, come un seme. Il terreno a disposizione sembrava inaridito, iniziavo ad coltivare il cinismo che oggi porto con orgoglio. Ma una bambina di 11 anni non può mai essere cresciuta del tutto. In mezzo al terreno inasprito c'è sempre un angolino di prato verde. La Rowling l'ha trovato e ci ha coltivato su. Come un radbomante ha trovato il luogo in cui stava l'acqua e in cui la sua pianta sarebbe riuscita a crescere.
Il giovane prescelto a 11 anni scopriva che la sua orribile vita stava cambiando per sempre. Scopriva la magia! Scopriva che qualcuno gli aveva voluto bene. Di quel bene immenso che porta tua madre a morire pur di permettere a te di vivere. E proprio io, che vivo nel complesso di non essere mai amata da nessuno, che sono l'eterna seconda, che non riesco a dare per 'dovuto' nemmeno l'amore di mia madre, guardavo questo piccoletto rinascere forte dell'amore che anche lui aveva avuto, mentre un uomo gigante impiantava a sua volta una coda di maiale nel sedere del cugino.
E poi, l'arrivo a Diagon Alley, lo sguardo spalancato di Radcliffe affamato di bellezza, di inaspettato, di nuovo. Lui e io, insieme, guardavamo al domani come a qualcosa di meraviglioso, qualcosa di magico.

Passavano gli anni, e le cose continuavano a succedere nella mia vita. Ma, da quel Natale del 2001, ho avuto un'altra casa in cui rifugiarmi quando le pareti della mia sembravano stritolarmi sul letto: Hogwarts.
E se pensate che un libro non sia un'evasione sufficiente dai problemi, è perché non avete mai permesso ad un romanzo di entrarvi dentro.
Soprattutto se quel libro non ha pretesa di grandezza alcuna. Non ha pretesa di cambiare la vita, entra in punta di piedi nel tuo mondo, qualunque esso sia, ma finisce inevitabilmente per prenderne totale possesso.
E tu stai lì, a cercare di stare in equilibrio tra tutte le cose che ti accadono intorno, e pensi che vorresti solo stare chiuso in un angolo a piangere fino a perdere la voce. Ma perchè farlo? Ron non si lamentava, di vivere in una famiglia povera che non gli poteva garantire la lussuosa divisa nuova di pacca come quella di Malfoy. Hermione, vittima del 'bullismo' per via delle sue origini Babbane, non stava chiusa in bagno a piangere su se stessa.
Perché avrei dovuto io?
Indirettamente Harry Potter mi ha mostrato l'inutilità del piangersi addosso. Allo stesso tempo, mi ha illuminato su come una grandissima percentuale delle cose che accadono dipendono dal mio modo di prenderle. Lentamente, nel corso degli anni, si è insediato come principale spunto educativo, laddove figure più concrete di Albus Silente avevano fallito in precedenza.

Mi rendo conto che leggere certe parole sapendo che sono rivolte ad un mondo fittizio possa suonare bizzarro agli occhi di chi questo amore non l'ha vissuto. Ma Harry Potter è stato lì nel momento in cui avevo bisogno di appoggiarmi a qualcosa per non cedere, è stato il modo in cui ho appreso che se Hermione Granger poteva avere dei difetti, io potevo provare a perdonarmi per i miei. (Non ci riesco ancora, ma quanto ci provo). E' stato lì quando i miei problemi famigliari venivano surclassati da quel dolore che a 16 anni sembra immenso e che provi quando un determinato lui non ne vuole sapere di te. O quando litigavo con un amica e pensavo di avere perso il mio mondo.
Ma soprattutto, è a Harry Potter che devo la capacità (sempre in lavorazione, non si finirà mai di costruirla) di gestire il dolore.
Il dolore di non conoscere la propria famiglia, di non sentirsi apprezzato, di sentirsi solo, di incontrare finalmente quanto di più vicino ad un genitore e perderlo, di nuovo.
C'è tantissima sofferenza, in 7 libri.
Perchè sono la vita, in ogni suo aspetto.
E, facendoti sempre sognare la magia (anche ora, a 24 anni), sono stati l'amico costante, quello più vicino, quello che, pur non conoscendoti, ti conosce meglio di chiunque altro.

Non è mai atto solo un libro, è stato il mio rifugio.
Ed è per questo che quando la Rowling dice, alla prima dell'ultimo film, che 'Hogwarts will always be there to welcome you home', so esattamente che per me sarà sempre così.

venerdì 6 febbraio 2015

Maripensiero: Ma ti piacciono i film horror??

18:17
Un giorno, parecchio tempo fa, stavo passeggiando per il mercato del paese con un'amica. Parlando, mi dice che le piacerebbe vedere Biancaneve e il cacciatore. Però, aggiunge di essere un po' intimorita dato che il trailer le pare un po' troppo forte.
Io, sinceramente, ho ridacchiato.
Conosco i suoi gusti molto bene, so che è amante delle commedie romantiche e che il cinema non rientra certo tra le sue passioni e so anche che è molto sensibile al sangue, ma insomma, che il trailer di Biancaneve e il cacciatore fosse 'forte' mi pareva un attimino esagerato.
Quindi, siccome la mia linguaccia al suo posto non ci sta mai, gliel'ho detto.
'Ma dai, forte, non esagerare, hai un livello di sopportazione un po' bassino!'
Sapete cosa mi ha risposto?

'Ma guarda che sei tu che hai dei gusti esagerati, eh!'

Da lì, l'inizio di una riflessione, che probabilmente non sarò in grado di riportare per iscritto senza ingarbugliarmi, spero capirete.
Ho fiducia nella vostra intelligenza.

Più volte quando ho detto di guardare 'filmacci schifosi in cui c'è tanto sangue ma nemmeno sempre' la gente mi ha guardata stranita.
'Eh ma che schifo!' eh.
'Come fa a piacerti?' domandona, mi piace e basta.
'Ma non hai paura?' ovvio che a volte ho paura, non sono mica sandokan. E per fortuna che a volte ho ancora paura, vuol dire che c'è speranza.

Di solito mi trovo di fronte a due tipologie di reazioni:
La prima è quella che vi ho raccontato sopra, stupore e sconcerto. Ma come, sono una femmina eterosessuale a cui piacciono i film di paura? Eh, vi dirò che è così. Il fatto che io sia femmina è fonte di incredibile sgomento. Lo so che sembra stia parlando di gente con mentalità anni '50, ma vi garantisco che sono reazioni reali. Nella mente della gente comune dotata di scarso intelletto vige questo ideale della lesbica con i capelli tagliati corti, il giubbotto da uomo, i tatuaggi e la passione per i film horror.
Oh, i tatuaggi ci sono, il giubbotto da uomo quasi, i film horror ci sono, il fatto che i miei capelli fino a due giorni fa mi arrivassero al sedere e che abbia gusti sessuali molto convenzionali è quasi un peccato.

Non è che vivo in un lontano pianeta rimasto al feudalesimo, almeno credo. E' solo che a parlare con gente non informata, non appassionata, che il massimo del drama che guarda è 'Il Segreto' questo si ottiene.

La seconda è: Nooooooooooooooooooooooooooooooooo I D O L A li guardo anche iooooooooooooooooooooo tutti li ho visti i paranormal stacippadiminchia, tutti! E anche Saw, ah sì, Saw è il mio preferito! Sì, La mosca l'ho visto, ma che cagata è, dai, NON FA PAURA!
(Quest'ultima categoria è presente e diffusa sul territorio anche nella variante vintage: Sul serio? Io ho visto tutti i film di Dario Argento, sai? Pronunciato anche un certo snobismo perché sai, io sono gggiovine, vuoi che abbia visto i film di una volta? Ma cosa ne so io del cinema vero dei vostri tempi?
- Ok, in parte è vero, ma sono permalosa per cui io me lo posso dire ma quando me lo dicono gli altri mi scoccia -)

Quindi la mia domanda è: da cosa sono causati questi cliché?
Certo, se stessimo qui a ricercare l'origine di ogni pregiudizio che gli umani fanno proprio ciao cari, ma insomma, in questo ambito mi interessa.

Siccome io devo sempre cercare un responsabile e mi serve un capro espiatorio, investo della prima e solenne responsabilità la signora distribuzione. Se il meglio che mi butti in sala è Ouija (che per ora non guardo perché non è che abbia tempo da perdere, abbiamo da lavorare qui) la gente che di un certo genere se ne frega per presa posizione pensa che quel dato film è tutto ciò che il mercato ha di meglio da offrire.
E siccome fa schifo allora tutto fa schifo.
E' superficiale, ma insomma, siamo la razza che quando ammazzano 2000 anime in Nigeria ne parla appena di sfuggita, non possiamo pretendere.
In alternativa, siccome a qualcuno può fare paura, allora vuol dire che la vera paura è quella, i salti sulla sedia.

E questa cosa delle donne, vi prego. Ragazze in linea ditemi la vostra.
A volte persino MIA MADRE mi guarda male per il film che sto vedendo.
E intendo, non è che davanti a lei guardo A serbian film.
Quello non lo guardo e basta.
La società ha ancora tanto da fare nella questione delle pari opportunità, la società italiana uber alles. Ma insomma, io ci spero sempre, che siamo arrivati al punto in cui giudichiamo una persona in base alla sua personalità tutta frizzantina e sbarazzina, in base al modo in cui pensa, e più ancora in cui agisce. E invece NO.
Se sei donna sei la principessa nel castello che l'idraulico Mario e suo cugino Luigi vengono a salvare combattendo i peggio draghi.
E se invece io volessi essere la guerriera che combatte al loro fianco?
'Sei una stramboide.'

Dichiaro in seconda istanza responsabile la Superficialità.
Voglio chiarire che non è sempre una colpa. La superficialità gira a passeggio con la pigrizia. Se non approfondisci una questione generalmente è perché sei pigro.
E va bene essere pigri, io ne ho fatto una bandiera del mio vivere felice. Quindi, se un argomento non ti interessa, va benissimo essere pigri e non volerlo conoscere.
MA POI NON MI VENIRE A ROMPERE LE PREZIOSE A ME.
Perché io me ne frego del calcio, quindi non vado in giro a dire un tifoso 'Eh ma che merda l'Inter però'. Sentitevi liberi di sostuire 'Inter' con qualsivoglia altra squadra a vostro piacimento nel caso l'affermazione vi offenda.
Perché se del cinema non te ne frega e vai solo ogni tanto in sala a vedere i cartoni animati o i film dei Vanzina, è chiaro che non guardi tanti film, non ti informi, non leggi, non ampli le tue conoscenze. Quindi, non sai. Quindi, taci.
Mi spiace essere scortese. Davvero. E non vorrei nemmeno passare per sbruffona, presuntuosa so-tutto-io. Non so, davvero. Non so quanto vorrei.
Ma quantomeno cerco di parlare di argomenti che conosco, e se non conosco mi faccio spiegare da chi ne sa più di me, mi piace imparare.
Per colpa di questa superficialità la gente non gratta mai sotto la superficie, e magari finisce per non scoprire mai film di uno splendore indicibile come Lasciami entrare. Non sa che sotto la definizione così sfruttata e ripetuta (in questo blog, poi, CIAONE) di 'film horror' non ci stanno solo gli assassini con le motoseghe.

Sia chiaro, in questo post sto volutamente esagerando.
So benissimo che ci sono persone là fuori dotate di una buona dose di intelligenza, di apertura mentale, di tutte quelle caratteristiche che tanto vorrei fossero chiamate 'normalità'.
Se così non fosse, non avrei aperto un blog in cui condividere e discutere, avrei tranquillamente continuato a parlare con lo specchio.
Esco con una bella compagnia di persone di cui nessuna manco una (manco mezza, manco un quarto, sob, ogni tanto mi intristisco) condivide gusti cinematografici con me, ma andiamo d'amore e d'accordo, nessuno rompe le pelotas a nessuno e quando parliamo di cinema parliamo di cinema che piace o può piacere a tutti.

E' solo che spesso mi ritrovo nella posizione di dovermi giustificare per quello che faccio, o meglio, per quello che guardo.
E, nel 2015, non sono certa di poterlo accettare.

domenica 7 settembre 2014

Maripensiero: i grandi film che non ho ancora visto

18:17
Vi voglio preparare: questo post vi farà cambiare l'immagine che avete (ammesso ma assolutamente non concesso che ne abbiate una, poi) dell'autrice di questo blog.
Sto per fare delle confessioni che non vorrei mai fare, per non dover ammettere che non sono così preparata come vorrei essere.

'E allora perché farle?' vi chiederete voi, che non siete affatto scemi.
Perché mi serve un ordine. Ho bisogno di priorità.
Perché pensate al numero di film che escono ogni anno nel cinema più vicino a casa vostra.
Sommateci i film che il vostro cinema non proietta.
Al risultato vanno aggiunti tutti i film usciti prima del momento in cui state facendo il vostro calcolo.
(Io sono nata nel 1990, capite? La prima ripresa cinematografica pare avere CENTODUE anni più di me.)
Unite i film indipendenti (tutti!) , quelli censurati, quelli girati nei paesi che non sono manco riprodotti sull'atlante geografico e poi gli orientali. Che producono più film loro che litri di latte una mucca all'anno. Dopodichè ci sono i cortometraggi, i prodotti televisivi, i documentari e tutti i film proiettati nei festival che poi finiscono nell'oblio dell'industria di distribuzione.
Io non ci sto dietro, e non me ne do pace.

Vorrei vedere TONNELLATE di film, ma lo sapete anche voi come funziona, c'è quella scocciatura che si chiama vivere.
Che alcune persone sarebbe meglio non lo facessero perché se poi hanno vite eccezionali di sicuro prima o poi ne verrà tratto un altro film.

Iniziamo dai non horror, che è una lista assurda ma che riesco a gestire meglio.
  • Le Iene, Quentin Tarantino. Per tutto questo tempo ho dato la precedenza agli altri suoi lavori. E considerando che è uno dei miei registi preferiti è una cosa deprecabile.
  • Scarface, Brian De Palma. A mia discolpa posso dire che tratta un tema che per me è particolare, devo proprio essere in vena per una cosa del genere, e finora non lo sono ancora stata. Stesso discorso vale per la trilogia de Il Padrino.
  • Blade Runner, Ridley Scott. Non ce la faccio, davvero. Mi viene la noia solo a leggere la trama, è troppo lontano dal mio genere.
  • 2001, Odissea nello spazio, Stanley Kubrik. MI DISPIACE, STANLEY. Io ti amo, tanto. Hai il mio cuore in totale gestione. Ma la fantascienza mi devasta. Lo farò, magari, prima o poi. Solo perché sei tu. Ma mi costerà tanta fatica.
  • Mulholland Drive, David Lynch. Finisco Twin Peaks e rimedio subito, lo giuro, lo giuro.
  • Apocalypse Now, Francis Ford Coppola. Finirò di leggere quel Cuore di tenebra prima io poi, ne sono certa. E allora, solo allora, vedrò il film.
  • Il grande Lebowski, Fratelli Coen. Questo è uno dei primi che recupererò, davvero.
  • Nessun film di Sergio Leone. Però le colonne sonore le so, eh. Quasi tutte.
  • Dogville, Lars Von Trier. Non lo so, sto danese qua mi lascia perplessa. Infatti ho visto solo Nymphomaniac e non sono certa di averci colto molto. 
  • Salò o le 120 giornate di Sodoma, Pier Paolo Pasolini. Non so se sinceramente lo vedrò mai, voi che dite?
  • Nessun fim di Akira Kurosawa. Ma non so dirvi il perché.

Gli horror, e qui ho già mal di cuore.
  • Freaks, Tod Browning. Ancora per poco, però, ho in mente di vederlo a breve per un'idea qui sul blog.
  • The Wicker Man, Robin Hardy. Non lo so, mi attira e mi respinge ogni volta. 
  • La bambola assassina, Tom Holland. Eh, oh.
  • Lo squalo, Steven Spielberg. Io lo so che Steven lo amate tutti, ma io no, quindi continuo a rimandare.
  • Il bacio della pantera, Jacques Tourneur. NON. LO. TROVO. 
  • Il signore del male, John Carpenter. Ok, questa è pesante. Mi autoflagello ogni notte torturata dal senso di inadeguatezza. Ma ho troppa paura che mi faccia paura. Il perché chiedetelo a Friedkin.
  • Buio Omega, Joe D'Amato. Semplicemente, non ci siamo ancora incontrati.
  • Che fine ha fatto Baby Jane? di Robert Aldrich. Vedi alla voce 'Il bacio della pantera'
  • Ichi the killer, Takashi Miike. Credo sia un po' troppo forte anche per me!
  • Non ho mai visto film horror molto vecchi. Mai. Niente dottori Calegari, niente Golem. Ho semplicemente paura di non capirli e di diventare una di quelle squallidone che dicono 'Eh ma gli effetti speciali?'. Credo di dover 'studiare' ancora un po' per quelli.
  • Mi muovo zoppicando nel cinema orientale. Partendo dal presupposto che già distinguo a fatica un nome (o un volto) cinese da un giapponese da un coreano da un tailandese, figuriamoci che dimestichezza ho col loro cinema. Miike a parte. Mi rendo conto che suona razzista, ma credetemi, è solo questione di mia profonda ignoranza.
Credete siano pochi?
Mancano all'appello anche diversi film di Fulci, la saga di Hellraiser, qualche Bava, Craven lo conosco solo di sfuggita e nemmeno Argento lo conosco completamente.
Certo, qualche capolavoro l'ho visto anche io, non pensate.
Questo per esempio, o questo, o addirittura quest'altro.

Aiutatemi a fare un po' di ordine in questo caos! Ditemi da cosa partire per la mia operazione recupero, quali sono i vostri preferiti o quali si chiamano di sottotitolo 'Lascia Perdere'.


Sono ammesse le prese in giro, qui nei commenti. Ma gli insulti no, dai, che poi ci resto male.

sabato 24 maggio 2014

Maripensiero: Fenomenologia del commentatore medio.

14:11
Guardare i film in streaming spesso per noi cinemaniaci è una scelta obbligata.
Fa male all'industria, abbasso la pirateria, tutto quello che volete.
Ma può avere risvolti incredibilmente divertenti.

Studiamo insieme questo strano mammifero, di cui nessuno conosce il vero aspetto, sempre celato dietro immagini criptate (sicuramente segnali in codice a noi sconosciuti) e a nickname dal gusto opinabile.

#1
'Ma questo film non è horror!'
Per il commentatore medio il genere horror è solo un'allucinazione di massa.
Gli horror non esistono, nessun film che porta tale dicitura è in realtà quello che dice di essere.
Si avvicinano vagamente alla definizione solo quei film che presentano tonnellate di sangue, morti disgustose o qualche zombie.
Ma forse manco quelli.

#2
'Sì, carino, però io alla fine non li avrei fatti morire tutti, cioè che merda'
Il commentatore medio BASTARDO spoilera.
E' insito nella sua natura.
Non riesce ad esprimere il suo grado di apprezzamento su un film se prima non ti dice come va a finire.
Pare che abbia strane reazioni allergiche, se si trattiene troppo a lungo.

#3
'Capolavoro'
'Che schifo'
Il commentatore medio è dittatoriale.
Lui non argomenta.
E' così, e basta.

#4
'Va beh è brutto ma HO VISTO DI PEGGIO'
Il commentatore medio è convinto che l'esistenza della spazzatura cinematografica giustifichi in qualche modo l'esistenza della mediocrità.
Vive nella convinzione che se "c'è di peggio" allora questo film non è poi tanto male.
Questo particolare esemplare di solito vive e vola basso, non ha grandi aspettative, non ha grandi sogni, tanto ci sarà sempre qualcosa di peggio.

#5
'L'Esorcista un capolavoro? Ma non  scherziamo, fa solo ridere.'
Questo è un grande classico del commentatore medio.
L'Esorcista suscita in loro sempre una grande ilarità.
Sembra sia la loro particolare forma di solletico, noi sotto i piedi e loro Reagan, va bene così, bisogna accettare le diversità.

#6
'Io che sono un vero appassionato....'
'Io di horror me ne intendo..'
'Io ho visto almeno il 90% degli horror in circolazione..' (questa è una cit. testuale, deve essere un commentatore medio di 300 anni per aver visto tutti sti film)
Il commentatore medio è un po' narcisista.
In fondo lo sa e si crogiola nella splendida sensazione di amare follemente se stesso.

#7
'Non si capisce niente!'
Il commentatore medio bazzica su Facebook mentre guarda Inception e poi dà a Nolan la colpa.

#8
'L'ho visto ieri sera'
'Spento dopo 10 minuti'
'Stasera lo vedo al cinema'
Al commentatore medio piace condividere con noi dettagli della sua vita, creando un clima di intimità che ci fa sentire tutti una grande famiglia.

#9
'Audio 6,5
Video 8'
'Film carino, voto 7'
Quando il commentatore medio guarda troppe gare di pattinaggio artistico su Rai Sport poi gli viene la voglia di fare il giudice con i cartelloni con i voti.
Ovviamente, come sopra, non argomenta, ma in fondo, cosa c'è di più chiaro di un 5?

#10
'Grazie staff!'
In fondo, però, il commentatore medio è gentile e ben educato, ringrazia spesso chi gli fornisce aggratise i film e fa anche tanti complimenti.

Insomma, stupidate a parte, siamo tutti nell'animo un po' commentatori medi.
Chi quando parla con gli amici e spoilera il finale della serie tv preferita (e si prende in cambio un calcio nel didietro) o chi si atteggia (io in primis) a profondo conoscitore del cinema come se fosse davvero possibile esserlo.
Che dite, è tardi per allearci, fare un partito e candidarci alle Europee?


sabato 1 marzo 2014

Maripensiero: Sherlock

11:57
Mi dispiace, non ho resistito.
Dovevo parlare di Sherlock, prima o poi, perché ultimamente non parlerei d'altro. Ho una fissa senza precedenti. Mi sono innamorata.
CI SARANNO SPOILER. 

Tempo fa si sentiva un gran parlare di sto Sherlock e del suo compagno di merende Elementary, ma io, da appassionata della saga letteraria (in due mesi mi sono sparata tutti e dieci i libri, non leggevo altro) li ho sempre snobbati senza pietà. Con astio proprio.
E con Elementary è ancora così perché Watson DONNA CINESE NO.
La prossima volta mettiamo direttamente un opossum al posto di Sherlock Holmes allora.

La voce supersexy di Smaug (qui il post su Lo Hobbit), però, mi ha distolto dal mio snobismo, per lanciarmi senza cinture di sicurezza in quella che è diventata una delle mie serie preferite di sempre.

Quanto può essere difficile per un produttore, un regista e tutta la loro combriccola, girare qualcosa di dignitoso su un tema così sfruttato come Sherlock Holmes? Si è già detto e fatto tutto, eppure la BBC ha trovato la formula magica per giocare con Conan Doyle, attualizzandolo, ma senza idiozie esagerate. Si usa Google Maps, Sherlock ha lo smartphone sempre in mano, John non è uno scrittore ma un blogger, e per questo noi colleghi gli si vuole molto bene. Eppure i romanzi sono trattati con rispetto e considerazione, non vengono stravolti ma riadattati e, perdonatemi l'esagerazione, a volte migliorati.

E siccome non ne facevo da un po', diamo il bentornato ai miei elenchi puntati, ecco le cose che amo di Sherlock!

1 - Il modo in cui corrono i due omini. Uomini di testa più che d'azione che corrono in un modo buffissimo. Epico il momento in cui John, zoppo solo nella sua mente, dimentica il bastone e rincorre il taxi come se non ci fosse un domani.

2 - I fermo immagine. Però non so, si chiamano così? Sono splendidi.

3 - Mary, aka la moglie che ognuno vorrebbe avere. Non fa storie quando John esce con gli amici (l'amicO, ma insomma, ci siamo capiti), lo lascia divertire alla sua maniera. C'è chi guarda la partita con la birra e la pizza e chi rincorre criminali per Londra, va bene uguale. Ma anche Irene Adler, stagione 2, ma anche la signora Hudson, dolce, tenera e materna, quello di cui i due signori hanno decisamente bisogno. I personaggi femminili sono secondari, ma ben strutturati, interessanti, simpatici. Se cercate gnoccolone insipide avete decisamente sbagliato serie.


4 - Smart is the new sexy, l'ho letto su Facebook.

5 - B E N E D I C T  C U M B E R B A T C H . Il suo carisma incredibile, la sua voce, gli occhi, il suo essere davvero un bravo attore, che gioca tantissimo con gli sguardi, e quanto gli viene bene. Sorride due volte a puntata se va bene ma quando lo fa bisogna mettere in pausa per cogliere siffatto fascino. Porta un cappotto ridicolo, ma lo indossa con uno stile che levatevi tutti. Il colletto alzato che tutto è meno che tamarro. Parte sicuramente avvantaggiato dal fatto che interpreta un personaggio scritto divinamente e dal fatto di essere un figo non indifferente (ne parliamo, donne?). Non ho aggettivi per descrivere il pacchetto completo. Terrebbe tranquillamente in piedi la serie da solo, eppure non oscura gli altri. Che vi posso dire, è la mia celebrity crush del momento. Potrei parlare solo di lui in tutto il post.


6 - I casi e la loro risoluzione. Costanti strizzate d'occhio ai romanzi, ma con una loro personalità indipendente, intriganti, e con finali mai deludenti. Lanciatevi direttamente nella terza puntata della terza stagione che è un'esperienza irrinunciabile. Migliore da sola della maggior parte dei film che ho visto.

7 - Le location, una Londra elegantissima,un appartamento piccolo, incasinato, intimo, familiare, con parti umane nel frigorifero, occhi nei bicchieri, un costante esercizio al piccolo chimico.

8 - I cliffhanger. Usati in migliaia di episodi in migliaia di serie, ma qua i finali di stagione amici sono da arrabbiatura profonda. Ma quanto intrippano. Grazie a Dio io ho visto tutto di fila, se no credo avrei distrutto una parete alla fine della seconda.

9 - Quelle goffe, tenere, affettuosissime scene d'amicizia tra i due strampalati elementi, così diversi e complementari che è impossibile immaginarli separati, quanto sono dolci, anche nel costante gioco 'gay o no'. Come il momento incredibile, splendido, commovente e divertente del discorso di Sherlock da testimone al matrimonio di John, uno dei monologhi più belli che abbia sentito di recente. Il momento in cui Sherlock rivela il suo lato più umano, con quel poco di emotività che gli è concessa da un carattere troppo razionale, con l'eleganza e la compostezza che lo contraddistinguono puntata dopo puntata.
Una meraviglia di scena, certamente la mia preferita.
Sono romantica, che ci dobbiamo fare.


10 - Lat but not least, la sigla. Di per sè non è che sia proprio una canzone bellissimissima, ma quando compare nei momenti clou dell'episodio ogni volta mi strappa un sorriso incredibile, come rivedere un volto amico.


Guy Ritchie, fatti un piacere, fatti da parte, che qua ti hanno mangiato violentemente in testa. Sì, Robert, anche tu. Soprattutto tu.

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+